Vai al contenuto

Il miso va a male? Misteriosa durata di conservazione dei prodotti di soia

Il miso va a male? Misteriosa durata di conservazione dei prodotti di soia

Sharing is caring!

Non molti conoscono i vari prodotti alimentari incredibili e deliziosi che la cucina giapponese offre. Uno dei classici è sicuramente la pasta di miso. 

Che si tratti della famosa zuppa di miso o di qualche altro classico asiatico, come i ramen noodles o il burro di miso, questo ingrediente può fare tutto. 

Ma cosa succede se avete del miso in dispensa o in frigorifero e non siete sicuri che sia ancora buono perché è rimasto lì per un po'?

Il miso va a male? Come qualsiasi altro prodotto alimentare, anche il miso può rovinarsi in alcuni casi, ma la probabilità è piuttosto bassa poiché si tratta di un ingrediente di conservazione. 

Ma poiché c'è la possibilità che si rovini, è importante conoscere alcuni aspetti, tra cui i segni di deterioramento, la durata di conservazione e, soprattutto, i consigli per la conservazione. 

Che cos'è il miso?

Pasta di miso bianco asiatica sana in una ciotola

Prima di passare al punto principale, dirò solo qualche parola sul miso stesso, in modo che possiate avere un quadro più ampio di questo prodotto.  

Il miso è una pasta ed è un condimento tradizionale giapponese utilizzato da secoli nella cucina giapponese.

Si ottiene attraverso un processo di fermentazione dei semi di soia, insieme ad altri ingredienti come riso o orzo, sale e un tipo specifico di muffa chiamata koji (Aspergillus oryzae). 

Il risultato è una pasta densa e saporita con un gusto complesso e saporito noto come umami. La pasta di miso è molto versatile ed è considerata sia un esaltatore di sapidità che un ingrediente base. 

Poiché possiede tutte queste qualità, non sorprende che ci si preoccupi del suo deterioramento e della sua durata di conservazione. 

Il miso va davvero a male?

Pasta di miso - alimenti tradizionali giapponesi a base di soia

Come ho già detto nell'introduzione, il miso è un alimento e tutti gli alimenti e i prodotti alimentari possono andare a male prima o poi. La pasta di miso non fa quindi eccezione. 

Tuttavia, si tratta di un tipo di prodotto diverso, poiché è in realtà un conservante, il che significa che ha una durata di conservazione molto lunga se conservato nel modo giusto.  

Dura abbastanza a lungo, qualcosa di simile al tahini, per esempio, e anche di più. 

Il fattore principale che contribuisce a questo fenomeno è il processo di fermentazione e i metodi di conservazione utilizzati durante la produzione. 

Una fermentazione e una conservazione adeguate contribuiscono a creare un ambiente stabile per il miso, permettendogli di durare più a lungo. 

Inoltre, l'elevato contenuto di sale contribuisce alla sua lunga conservazione, poiché il sale agisce anche come conservante, neutralizzando una miscela che può contribuire al deterioramento. 

Tuttavia, devo sottolineare che esistono alcuni tipi di varietà lavorate a basso contenuto di sale, come quelle contenenti brodo di zuppa. È necessario prestare maggiore attenzione a queste ultime, poiché tendono a rovinarsi più facilmente. 

A parte questo, un cattivo imballaggio e soprattutto cattive condizioni di conservazione possono contribuire a un potenziale deterioramento, anche se si tratta di un evento piuttosto raro. Tuttavia, dal momento che c'è questa possibilità, non è fuori luogo saperne di più su alcuni segnali di deterioramento. 

Quali sono le bandiere rosse di cui bisogna essere consapevoli?

Pasta di miso

Come già sapete, il miso è un ingrediente davvero conservabile e la possibilità che si rovini è molto bassa o nulla. Tuttavia, ci sono alcuni segnali che possono indicare che il miso non è più molto buono. 

Innanzitutto, devo sottolineare che un cambiamento di colore non è sempre un cattivo segno. Se notate che la vostra pasta di miso è diventata più scura, sappiate che si tratta di un processo naturale, noto come "scurimento". Reazione di Maillard. 

Quando la pasta di miso invecchia, gli aminoacidi e gli zuccheri presenti nei semi di soia, nei cereali e nel koji subiscono questa reazione, che porta allo sviluppo di un colore più scuro.

Questo porta a un sapore diverso e più deciso, ma l'importante è che il miso sia ancora sicuro da mangiare. 

Esiste anche la doratura enzimatica, che si riferisce al processo in cui gli enzimi presenti nella pasta di miso, in particolare quelli prodotti dalla muffa koji, interagiscono con l'ossigeno. Questo provoca un imbrunimento naturale simile a quello della frutta. 

Devo dire che anche questo è perfettamente naturale, quindi non c'è da preoccuparsi. 

Tuttavia, l'elemento che può destare preoccupazione è la presenza di muffa. Fortunatamente la muffa non è così comune nel miso, ma a volte può svilupparsi in superficie se le condizioni di conservazione non sono corrette. 

In questo caso, è sufficiente rimuoverla dalla superficie e continuare a consumare il resto della pasta. 

La situazione è invece diversa con i prodotti a base di miso a ridotto contenuto di sodio, perché può accadere che all'interno si formino delle muffe, per cui è importante fare molta attenzione a questi prodotti. 

Infine, anche il gusto e l'aroma possono cambiare. Bisogna sapere che, anche in questo caso, il gusto e l'aroma acidulo del miso si sviluppano nel tempo come risultato dell'attività dei batteri lattici, che sono naturalmente presenti nel miso e contribuiscono alla sua fermentazione.

Questo va benissimo e, a parte il sapore diverso, non comporta alcun rischio per la salute. Tuttavia, se il sapore e l'aroma sono davvero sgradevoli, è meglio evitare di consumarlo per non correre rischi. 

Qual è l'esatta durata di conservazione del miso?

pasta di miso e altri prodotti di soia

Essendo un prodotto di conservazione, la pasta di miso può mantenersi buona per molto tempo. A differenza di crema di tartaro, miso del negozio rimarrà buono per circa 1 anno. 

Immagino che anche voi, come molte altre persone, vi stiate interrogando sulla data di scadenza. Innanzitutto devo dire che la data di scadenza riportata sull'etichetta è in realtà la "data di scadenza", che indica per quanto tempo il prodotto manterrà la sua qualità. 

Tenendo conto di ciò, si potrà comunque consumare oltre tale data, circa 3-6 mesi. Dopo questo periodo di tempo sarà ancora sicuro, ma è probabile che la qualità non sia più la stessa.  

Quindi, non è consigliabile, ma non accadrà nulla di significativo. 

Una volta aperta la confezione, è sempre meglio metterla in frigorifero. Se conservato in frigorifero, si mantiene per circa 3 mesi. Anche in questo caso, il consumo sarà sicuro anche dopo, ma il sapore e la consistenza non saranno gli stessi. 

Come maneggiare e conservare correttamente il miso?

Pasta di miso su sfondo di legno

Il processo di manipolazione e conservazione degli alimenti è sempre fondamentale, e il miso non fa eccezione. 

Se avete una confezione di pasta di miso non aperta, non dovete fare altro che metterla in un luogo buio e asciutto, a temperatura stabile, e assicurarvi che il coperchio sia ben chiuso. 

È inoltre importante che il luogo di conservazione non sia esposto alla luce diretta del sole o ad altre fonti di calore. Infatti, una temperatura più elevata accelera il processo di fermentazione, facendo sì che la pasta si rovini più rapidamente.

Una volta aperta la confezione, è meglio conservare la pasta in frigorifero. Anche se si può mettere in frigorifero nella sua confezione originale, il mio consiglio è di trasferirlo in un contenitore ermetico, soprattutto se si tratta di miso in bustine. 

Il confezionamento ermetico aiuta a prevenire l'esposizione all'aria e l'assorbimento dell'umidità, che possono portare alla degradazione del sapore e al deterioramento. Durante questo processo, assicuratevi che gli utensili siano perfettamente puliti e che il contenitore sia ben chiuso. 

Si può anche aggiungere un ulteriore strato di protezione sotto forma di pellicola di plastica per proteggere la pasta dalla contaminazione incrociata, poiché può facilmente assorbire gli odori di altri alimenti dall'odore forte. 

Il congelamento è un'opzione?

Pasta di miso a base di fagioli di soia fermentati con sale

Anche se personalmente non lo preferisco, il congelamento è un'opzione. Aggiungerà un po' di tempo in più alla durata di conservazione della pasta di miso, ma niente di speciale. 

Se decidete di congelarlo, il mio consiglio è di evitare di congelarlo nella sua confezione originale. È molto meglio trasferirlo in un sacchetto da freezer. 

Assicuratevi di estrarre tutta l'aria in eccesso dal sacchetto e di sigillarlo correttamente. 

Infine, è importante che la temperatura del congelatore non vada oltre i -5°F, in quanto può degradare il sapore e la consistenza della pasta. 

Se si desidera congelare piccole porzioni individuali di pasta di miso, è meglio utilizzare le vaschette per i cubetti di ghiaccio. Il congelamento della pasta di miso in piccole porzioni è ottimo se la si utilizza come sostituto del brodo di manzo. È sufficiente coprirli o utilizzare vaschette con coperchio per evitare contaminazioni.

Il miso va a male? Misteriosa durata di conservazione dei prodotti di soia