Vai al contenuto

Ube contro Taro: la battaglia finale delle verdure sotterranee

Ube Vs Taro: La battaglia finale delle verdure sotterranee

Sharing is caring!

Se non vivete nelle Filippine o in qualche zona del Sud-Est asiatico, è molto probabile che dobbiate saperne di più su ube e taro. 

Molte persone in Occidente pensano ancora che questi due tipi di verdure siano uguali. In realtà, sebbene siano abbastanza simili, soprattutto in polvere, non sono uguali e presentano alcune differenze sostanziali. 

Proprio per questo motivo, ho scritto questo articolo per spiegare le differenze tra ube e taro.

Quindi, se siete interessati e volete saperne di più sulle loro differenze e su altri fatti importanti legati all'ube e al taro, vi consiglio di continuare a leggere. 

Ube vs Taro: Fatti su questi ortaggi a radice

Prima di passare alla parte principale, dirò qualche parola su entrambi i tipi di questi straordinari ortaggi e vi svelerò alcuni fatti importanti che vi aiuteranno a distinguerli più facilmente. Cominciamo con l'ube. 

Informazioni su Ube

Ube sul tavolo

Ube è solo uno dei nomi comuni di questo ortaggio. È conosciuto anche come igname viola e igname maggiore. Il suo nome scientifico è Dioscorea alata. 

Questo ortaggio specifico appartiene alle specie di patate dolci o tuberi che di solito hanno un colore che va dal viola-violetto al lavanda brillante. È proprio questo colore viola vivido a rendere riconoscibile l'ube. 

La famiglia in cui si colloca l'ube è quella delle Dioscoreaceae, nota anche come famiglia delle patate dolci. 

È un ortaggio a radice originario del sud-est asiatico, ma si trova soprattutto nelle Filippine. Qui è un ingrediente ben noto in vari piatti, soprattutto in snack e dessert come il gelato viola, l'ube boba e il pane ripieno di ube. 

Oltre a essere confuso con il taro, l'ube viene anche confuso con la patata dolce di Okinawa perché entrambi appartengono alla stessa famiglia e perché l'ube viene coltivato anche a Okinawa.

Informazioni su Taro

Tarocchi su un tavolo bianco

Come l'ube, anche il taro è un tipo di ortaggio a radice. Più precisamente, il taro è una coltura di radici, una parte della pianta più grande del taro (Colocasia Esculenta) che contiene cormi, foglie e piccioli. 

Il taro è conosciuto anche con il nome di Dasheen, un nome che deriva dalla lingua maori della Nuova Zelanda. Il motivo è che è stata scoperta per la prima volta dagli indigeni della Nuova Zelanda. 

Sebbene sia originaria della Nuova Zelanda, si trova soprattutto in alcune zone del sud-est asiatico e in India. 

Spesso lo si confonde con l'ube perché entrambi i tipi di ortaggi hanno una buccia simile a una corteccia. In realtà non appartengono alla stessa famiglia, poiché il taro appartiene alla cosiddetta famiglia delle Araceae. 

6 differenze principali tra taro e ube

Infine, ecco la parte principale dell'articolo di oggi su due ortaggi a radice molto simili, ovvero le differenze tra ube e taro. Ora che conoscete le informazioni generali su entrambi, sarete in grado di capire meglio le loro differenze.

1. Aspetto

la differenza tra ube e taro

In precedenza avete scoperto che entrambi i tipi di verdure hanno una buccia simile a una corteccia, ma cosa li differenzia in termini di aspetto? 

Inizierò dall'aspetto esterno. In particolare, l'ube ha una pelle di colore viola brillante e piuttosto liscia. E questo è il suo marchio di fabbrica, che si nota immediatamente. 

Il taro, invece, assomiglia più a una patata, anche se, a differenza dell'ube, non appartiene alla stessa famiglia delle patate dolci. Ha una forma rotonda, una pelle di colore marrone e una consistenza un po' ruvida. Tuttavia, a differenza di buccia di patataLa buccia del taro è considerata non commestibile.

Queste sono le differenze esterne tra ube e taro. Una volta tagliati a metà, si noteranno alcune differenze anche nella polpa interna. 

Proprio come il notevole colore viola della pelle, anche la polpa dell'ube è di colore viola. 

Per quanto riguarda il colore della carne del taros, è per lo più bianca, ma presenta piccole macchie viola quando viene tagliata di fresco. 

Una volta cotto, il suo colore si trasformerà in viola chiaro, il colore che si può facilmente notare nel tè al latte di taro boba. 

2. Il sapore

Come nella sezione precedente, anche qui inizierò con l'ube. Come avrete già appreso, l'ube è uno degli ingredienti più utilizzati nelle ricette di dolci filippini. 

Questo ci porta a concludere che l'ube ha un sapore dolce. Anche se non è una caratteristica dell'ortaggio, l'ube ha un sapore dolce simile a quello del cioccolato, del pistacchio e della vaniglia. 

La maggior parte dei tipi di ube ha un sapore dolce e delicato, cioè non molto intenso. Tuttavia, è importante sottolineare che l'esatto livello di dolcezza dipende dalle dimensioni dell'ube e dal modo in cui è stato coltivato.

Più grande è l'ube, più è dolce. Inoltre, se è stato svernato nel modo giusto, l'amido si rompe più facilmente dando luogo a un sapore più dolce, simile a quello della vaniglia, che è fantastico.

Il profilo gustativo del taro è in qualche modo opposto a quello dell'ube. Dico questo perché il taro ha un sapore prevalentemente terroso e di nocciola. Per questo motivo, viene utilizzato soprattutto come ingrediente di piatti salati.

Tuttavia, è anche importante sottolineare che possiede alcune sfumature dolci, che lo rendono adatto ad alcuni piatti dolci e dessert in cui la dolcezza non è così dominante. 

Inoltre, ha un sapore simile a quello delle perle di tapioca, le stesse usate in boba o bubble tea.

Un'altra nota. Poiché molte persone consumano il taro in polvere, sono spesso confuse dal suo alto livello di dolcezza. 

Tuttavia, bisogna sapere che è la diretta conseguenza dell'aggiunta di edulcoranti da parte dei produttori di polvere.

3. La tessitura

Quando si parla della consistenza dell'ube, non si può non menzionare la patata. Le consistenze di questi due ortaggi a radice sono piuttosto simili. In particolare, proprio come una patata, l'ube crudo ha una consistenza soda e densa.

È inoltre importante sottolineare che ha uno strato esterno leggermente appiccicoso, che lo rende difficile da staccare. Tuttavia, una volta che si riesce ad aprirla, si trova una polpa cremosa e amidacea all'interno. 

Una volta cotto, l'ube diventa molto più morbido e cremoso. 

Anche il taro crudo ha una buccia fibrosa e un po' più dura di quella dell'ube. Anche la polpa è amidacea, ma ha una consistenza leggermente granulosa. 

Tuttavia, una volta cotto, la consistenza diventa molto più cremosa, ma quando lo si mangia mantiene ancora un sapore gessoso e granuloso. 

4. Calorie

Non ci sono differenze significative nel numero di calorie tra questi due ortaggi a radice. Tuttavia, se ci sono differenze anche minime, è importante conoscerle. Inizierò quindi con il numero di calorie contenute in una tazza di radice di ube. 

Calorie in una tazza di Ube (marmellata viola)

Calorie in una tazza di radice di taro (Dasheen):

- Calorie: 187 kcal

- Grasso: 0,1 grammi

- Proteine: 1 grammo

- Carboidrati: 39 grammi

- Fibra: 7 grammi

- Zucchero: 1 grammo

5. Nutrizione e benefici per la salute

Entrambi questi ortaggi a radice sono ingredienti a basso contenuto calorico e di seguito vedrete che entrambi hanno ricchi valori nutrizionali e di conseguenza possono fornire numerosi benefici per la salute. Come nelle sezioni precedenti, anche qui inizierò con l'ube o igname viola.

L'Ube è una verdura molto nutriente ed è un'ottima fonte di questi importanti nutrienti:

- Carboidrati complessi

- Potassio

- Vitamina C

- Antiossidanti antociani

L'Ube è probabilmente più conosciuta come una delle principali fonti di antiossidanti, noti come antociani, che sono utili per ridurre l'infiammazione e, di conseguenza, molte malattie infiammatorie come alcuni tipi di cancro e il diabete di tipo 2. 

Oltre all'antocianina, l'ube contiene anche un'elevata quantità di vitamina C, che come tutti sappiamo è essenziale per molti processi del nostro organismo.

Infine, è un'ottima fonte di carboidrati complessi, noti anche come carboidrati buoni. Questi carboidrati si trasformano in glucosio molto lentamente, non provocando picchi di zucchero nel sangue e fornendo allo stesso tempo l'energia necessaria. 

Il taro è molto simile per quanto riguarda l'alimentazione. È anche povero di calorie, ricco di carboidrati complessi e ricco di alcuni nutrienti essenziali per la nostra salute. Di seguito elencherò i 3 nutrienti più importanti della radice di taro. 

- Vitamina C

- Vitamina B6

- Vitamina E

Come l'ube, anche il taro è una buona fonte di una delle vitamine più importanti in assoluto, la vitamina C, che apporta numerosi benefici alla salute. 

Tuttavia, il taro contiene anche un'elevata quantità di vitamina B6. Questa vitamina è molto utile per il nostro cervello e soprattutto per il sistema nervoso. È ottima anche per il sistema immunitario. 

Infine, la vitamina E è utile per mantenere sani gli occhi e la pelle, oltre a proteggere da varie malattie e infezioni. 

Devo anche sottolineare che sia il taro che l'ube contengono carboidrati complessi mescolati con molte fibre che non fanno impennare i livelli di zucchero e di insulina e danno l'energia necessaria per tutta la giornata. 

6. Usi culinari

Quando si parla di batata viola, si sa già che ha un sapore più dolce rispetto al taro, e questo la rende adatta a vari tipi di dessert. Si può incorporare in torte, dolci e gelati.

Proprio il gelato di ube viene utilizzato per la preparazione del più popolare dessert filippino noto come halo-halo. 

Oltre che per i dessert, alcune persone lo usano anche per preparare piatti al forno, in quanto conferisce ai muffin o al pane quella specifica tonalità viola. 

Può essere incorporato nei frullati e questo è personalmente il mio modo preferito di utilizzare questo incredibile ingrediente. 

L'Ube viene utilizzato anche per preparare marmellate e creme spalmabili e alcuni lo usano anche in polvere per spalmarlo sulle ciambelle e sui buchi delle ciambelle.

Il taro è un po' diverso in termini di usi culinari, poiché è meno dolce e ha sapori più sapidi. 

È quindi più adatto a piatti salati. Si usa soprattutto nelle zuppe e negli stufati per aggiungere un ulteriore sapore di noce. Inoltre, il taro può essere utilizzato come contorno al posto delle patate.

Può anche essere affettato, fritto e servito come snack, un'alternativa più sana alle normali patatine. 

Alcuni lo fanno anche bollire e ne ricavano salse e paste. 

Infine, sebbene non sia molto dolce, può essere utilizzata anche per la preparazione di dolci, come ad esempio la famosa torta di radici di taro. Questi dessert saranno la perfetta combinazione di sapori dolci e di nocciole e alcune persone trovano questo profilo di sapore molto piacevole. 

Inoltre, se volete preparare una bevanda deliziosa con la polvere di taro, preparatevi tè al latte di taro e sperimenterete la perfetta combinazione di sapori dolci, nocciola, vaniglia e tè. 

Si può anche fare un budino all'uovo boba variante con sapore di taro.

Domande frequenti

Radice di taro su sfondo di legno

Perché il taro è viola?

Le verdure fresche di taro non sono di colore viola. Solo alcuni tipi di taro in polvere possono avere un leggero colore viola.

Questo perché alcuni produttori aggiungono coloranti alimentari alla polvere durante la lavorazione. 

Il taro è uguale alla patata dolce viola?

No, il taro e la patata dolce viola sono due ortaggi a radice diversi. La patata dolce viola è un tipo di patata dolce che contiene antiossidanti noti come antocianine, che le conferiscono lo specifico colore viola.

Ha un sapore dolce e una consistenza cremosa e morbida, più simile a quella della batata viola.

Il taro, invece, è un ortaggio a radice dall'aspetto simile, ma non è un tipo di patata dolce e ha un sapore sapido con qualche sfumatura leggermente dolce.

Ube Vs Taro Riassunto

In questa sezione riassuntiva finale del confronto tra ube e taro, passerò brevemente in rassegna le principali differenze tra questi due straordinari ortaggi a radice in ciascuna delle 6 differenze chiave. 

- Aspetto: L'Ube ha una buccia di colore viola brillante e un po' liscia, mentre la buccia del taro è di colore marrone e leggermente ruvida.

- Sapore: La batata viola ha un sapore prevalentemente dolce, mentre il profilo gustativo del taro è una combinazione di sapori di noce e terra con sfumature leggermente dolci.

- Struttura: L'Ube ha una consistenza soda e densa con uno strato esterno appiccicoso, mentre il taro ha una buccia fibrosa un po' più dura. 

- Calorie: Entrambi sono ortaggi a radice a basso contenuto calorico, ma il taro contiene un po' più calorie della batata viola. 

- Nutrizione e benefici per la salute: L'ube è ricco di vitamina C, potassio, antociani e carboidrati complessi, mentre il taro è ricco di vitamine B6 ed E, oltre che di vitamina C.

- Usi culinari: L'igname viola è più dolce del taro e quindi più adatto ai dessert, mentre il taro, terroso e ricco di nocciole, è usato soprattutto nei piatti salati.