Vai al contenuto

7 segni che indicano che gli asparagi sono cattivi o non più freschi 

7 segni che indicano che gli asparagi sono cattivi o non più freschi .

Sharing is caring!

È arrivata la primavera e, con essa, alcune verdure colorate e salutari che aspettano solo di essere raccolte dagli scaffali del vostro negozio di alimentari o del mercato agricolo locale. 

Uno dei protagonisti di questo periodo dell'anno è sicuramente un ortaggio verde, gli asparagi. 

Ma proprio come accade per qualsiasi altro tipo di verdura o alimento in generale, gli asparagi non durano per sempre e devono essere trattati correttamente. Il problema è che non hanno una data di scadenza precisa.  

Per evitare di incorrere in spiacevoli problemi legati al consumo di cibo avariato, è importante sapere come capire se gli asparagi sono andati a male e in questo articolo vengono illustrati i principali segni di asparagi andati a male. 

1. Le punte diventano verde scuro o nere

Quando si raccolgono gli asparagi freschi, si presentano nel loro bel colore verde e questo vale per la maggior parte delle loro parti, comprese le punte che, tra l'altro, sono considerate la loro parte migliore. 

Tuttavia, queste punte possono talvolta assumere un colore più scuro o addirittura nero. 

Ciò può verificarsi per una serie di ragioni, tra cui la genetica della pianta e il processo di raccolta, ma la ragione più comune è rappresentata dai fattori ambientali. 

Ciò significa che gli asparagi sono stati esposti a condizioni esterne indesiderate, come un'eccessiva esposizione alla luce solare o a temperature più basse, ovvero a cattive condizioni di conservazione. 

Se ciò accade, le punte degli asparagi sono rovinate e non sono più adatte al consumo. 

Le punte sono in realtà le prime vittime del deterioramento, quindi possono essere tagliate e si possono usare altre parti dell'ortaggio, naturalmente se la decolorazione è limitata solo a quella parte. 

2. I vostri germogli di asparagi si stanno afflosciando

asparagi verdi

A prima vista, tutto va bene e si pensa di poter gustare liberamente gli asparagi come si vuole. 

Ma una volta toccati, ci si accorge che qualcosa non va, ad esempio che gli asparagi sono molli al tatto. 

Perché è successo e cosa si può fare? In primo luogo, gli asparagi flosci sono principalmente la conseguenza di cattive condizioni di conservazione. In particolare, gli asparagi devono essere conservati in frigorifero, possibilmente a una temperatura compresa tra 0 e 2 °C.

Se la temperatura è troppo alta o troppo bassa, gli asparagi possono perdere la loro umidità e diventare flosci. Inoltre, se vengono esposti all'aria per troppo tempo, soprattutto in un ambiente secco, si afflosciano. 

Infine, gli asparagi sono un alimento deperibile e, invecchiando, perdono umidità, diventando di conseguenza flaccidi e questa è un'altra causa. 

Quindi cosa si può fare? Si possono consumare gli asparagi flosci? Beh, il consumo di asparagi flosci non danneggia la salute, ma ha un sapore sgradevole, quindi non vi consiglio di mangiarli crudi. 

La cosa migliore da fare è cuocerlo o incorporarlo nella zuppa o nello stufato, e potete anche arrostirlo se vi piace così. 

3. I gambi degli asparagi iniziano a essere rugosi

Ho visto più volte delle rughe sugli asparagi e questo è in realtà un processo naturale che si verifica quando non li si consuma al momento giusto. 

Si può quindi facilmente concludere che la causa principale degli asparagi rugosi è il loro naturale processo di invecchiamento. 

Tuttavia, come nel caso degli asparagi flosci, anche le cattive condizioni di conservazione e la troppa aria possono farli raggrinzire. 

Inoltre, è possibile trovare asparagi raggrinziti al momento dell'acquisto perché sono stati maneggiati male durante il trasporto o la conservazione, oppure sono stati congelati e scongelati in modo improprio (a causa del contenuto d'acqua che si espande e si contrae durante il processo).

Fortunatamente, gli asparagi rugosi non sono del tutto inutili. 

Eviterei la cottura a vapore, perché tendono a diventare troppo morbidi per poter essere apprezzati con questo procedimento.

Inoltre, non vi consiglio di mangiarle crude, ma potete certamente incorporarle in alcuni piatti come zuppe o brodi e persino arrostirle.

4. L'asparago giallo non è un buon asparago

asparagi gialli

Sebbene si possa pensare che gli asparagi gialli siano qualcosa di naturale, perché in fondo ci sono molti frutti e verdure gialle, devo deludervi perché questo colore non è un buon indicatore. 

Gli asparagi possono ingiallire per diverse ragioni e una di queste è la cottura eccessiva. Tuttavia, questo non è un problema perché non mette in pericolo la salute, anche se può farlo con le papille gustative. 

Ma gli asparagi gialli possono essere una conseguenza diretta di una malattia o di un grave danno. I danni possono essere causati dai parassiti e sappiamo tutti cosa può fare il consumo di queste brutte creature.  

Oltre a questo, la malattia fungina può anche causare macchie gialle sull'ortaggio. 

Quindi, se notate che la vostra verdura preferita è gialla o presenta macchie gialle sulla superficie, è meglio gettarla nella spazzatura per stare tranquilli. 

5. La muffa è sempre un brutto segno

Quando si leggono questi tipi di articoli, è molto probabile che si noti una parte in cui si parla di muffa. Muffe sugli alimenti è probabilmente il più grande segno di deterioramento in generale e gli asparagi non fanno eccezione. 

Ci sono alcuni fattori che contribuiscono alla formazione di muffe sugli asparagi. Innanzitutto, ogni asparago dopo un po' di tempo ammuffisce, quindi è importante consumarlo il prima possibile se non si vuole gettarlo nella spazzatura. 

Inoltre, la muffa può comparire a causa delle cattive condizioni di conservazione, cioè se gli asparagi sono esposti a un'eccessiva umidità, che crea un ambiente adatto alla crescita della muffa. 

Infine, il danneggiamento di qualsiasi parte degli asparagi può aumentare il rischio di formazione di muffe. Infatti, quando gli asparagi vengono danneggiati o tagliati, la loro polpa interna rilascia umidità ed è esposta all'aria, che può essere ideale per la crescita della muffa. 

In definitiva, a prescindere dal modo in cui si è formata la muffa, la cosa migliore da fare è sbarazzarsi degli asparagi ammuffiti, poiché la muffa può produrre tossine che possono essere dannose per la salute. 

6. L'odore è un po' strano

pasto a base di asparagi

Oltre alla muffa, il cattivo odore è anche uno dei principali indicatori di deterioramento per molti tipi di verdure, come ad esempio zuccae per i nostri asparagi, naturalmente. 

Il cattivo odore è principalmente legato ad altri segni di deterioramento già menzionati, ad esempio quando gli asparagi ammuffiscono o si scoloriscono, probabilmente assumeranno un cattivo odore. 

Bisogna sapere che gli asparagi freschi hanno principalmente un odore piuttosto neutro, con un aroma leggermente dolce e una nota di erba. 

Tuttavia, una volta deteriorata, assume un odore di muffa o di ammuffito, che spesso è segno di una crescita di muffa o di batteri. E tutti sanno quanto muffe e batteri possano essere tossici per l'organismo. 

Quindi, se si avverte un cattivo odore quando si consumano gli asparagi, è essenziale eliminarlo immediatamente perché non si vuole sviluppare un'intossicazione alimentare o un qualche tipo di malattia di origine alimentare. 

7. Il sapore non è quello che ci si aspettava

Infine, se non siete sicuri di questi segni di deterioramento spiegati in precedenza, potete assaggiare un boccone di asparagi e concludere se sono cattivi o meno.

Una volta morso, se ha un sapore leggermente dolce e di nocciola, si può ingoiare liberamente e continuare a gustare il resto, se si vuole. 

Tuttavia, se il sapore è in qualche modo sgradevole, non vi consiglio di continuare a mangiarlo. 

In particolare, gli asparagi possono sviluppare un sapore aspro e piccante se sono stati esposti all'aria e all'umidità per troppo tempo, a causa di muffe che possono svilupparsi facilmente. 

Inoltre, se è stato conservato a temperature troppo elevate, può iniziare a fermentare e produrre un sapore amaro o acido. 

Sebbene il rischio di problemi di salute dipenda dallo stadio di questi processi, è meglio scartare gli asparagi se si nota un sapore sgradevole, per essere 100% sicuri e sicuri. 

Il modo migliore per evitare di ritrovarsi con asparagi scadenti: Scegliere quelli giusti

asparagi

Ora sapete quali sono i principali segni di asparagi cattivi, ma l'ideale non è evitare di ritrovarsi in questa situazione? Ebbene, lo è certamente e il modo migliore per riuscirci è quello di scegliere asparagi buoni in primo luogo. 

Ecco quindi alcuni consigli per farlo nel modo giusto. 

- Osservate innanzitutto le punte, perché sono la parte più pregiata degli asparagi; assicuratevi che siano sode e non appassite.

- Inoltre, nel caso degli asparagi freschi, le punte devono essere ben chiuse, quindi fate attenzione anche a questo aspetto. 

- Avvicinate il naso agli asparagi per determinarne l'odore, perché gli asparagi scaduti diventano subito maleodoranti. 

- Osservate i gambi: se sono turgidi e sodi, siete pronti a partire. 

- Assicuratevi che il colore degli asparagi non sia sbiadito; il colore degli asparagi freschi deve essere verde brillante. 

- Cercate gli asparagi refrigerati, cioè conservati in un luogo freddo, o quelli che si trovano in posizione verticale in acqua fresca e fredda. 

- Cercate di trovare gambi della stessa dimensione o, se acquistate al mercato agricolo, chiedete al venditore di mettere insieme un fascio di gambi della stessa dimensione. 

- Infine, acquistate gli asparagi in stagione (i mesi di punta sono aprile e maggio) per avere la versione più fresca e i prezzi migliori. 

Qual è il modo migliore di conservare gli asparagi per evitare che si rovinino?

mazzo di asparagi

Una volta acquistati gli asparagi freschi, è necessario conservarli correttamente per mantenerli freschi. Il modo migliore per conservare gli asparagi è quello di metterli in frigorifero. È possibile conservare in frigorifero sia gli asparagi freschi che quelli cotti. Di seguito vi mostrerò come fare in entrambe le situazioni.

Asparagi freschi

Innanzitutto, è necessario sapere che gli asparagi, a differenza di alcuni altri alimenti come uvaama un ambiente umido. È su questo che si basa la corretta conservazione di questo alimento. Sulla base di questo fatto, esistono due modi per conservare gli asparagi freschi in frigorifero.

1. Asciugamano di carta umido: Innanzitutto, il mazzo di asparagi acquistato in negozio è dotato di un elastico. Non rimuovetelo perché vi aiuterà a fissare i gambi.

In secondo luogo, poiché è bene che gli asparagi stiano in un ambiente umido, è meglio lasciarli in un sacchetto di plastica semiaperto. A questo punto, potete avvolgere i gambi degli asparagi in un tovagliolo di carta bagnato e metterli in frigorifero.

Questo è un modo eccellente per conservare gli asparagi in frigorifero per circa una settimana. Ma c'è un modo ancora migliore per conservarli, che vi spiegherò di seguito.

2. Un bicchiere d'acqua: Un modo ancora migliore per conservare gli asparagi in frigorifero è metterli in un bicchiere con un centimetro d'acqua. Potete anche metterli in un barattolo o in un contenitore ermetico e versarvi un po' d'acqua fino a riempire il fondo.

È sufficiente tagliare la parte inferiore dei gambi. 

Una volta fatto ciò, mettete gli asparagi in posizione verticale nel contenitore e coprite leggermente la parte superiore dei gambi con un sacchetto di plastica o di congelamento. Non chiudetelo del tutto perché la verdura ha bisogno di una certa circolazione d'aria per mantenersi fresca. 

Controllate spesso l'acqua e cambiatela se diventa torbida. 

Se fate tutto questo, gli asparagi si manterranno freschi in frigorifero ancora più a lungo, cioè per circa 2 settimane.

Asparagi cotti

Potete anche conservare gli asparagi cotti in frigorifero. Per farlo nel modo corretto, assicuratevi di non cuocerli in acqua bollente. Assicuratevi che gli asparagi cotti mantengano la loro consistenza croccante sbollentandoli. Potete anche arrostirli o cuocerli al vapore.

Dopo averla cotta a dovere, lasciarla raffreddare a temperatura ambiente per fino a 2 ore. Trascorso questo periodo di tempo, è necessario trasferire gli asparagi in un contenitore ermetico o in un barattolo di vetro che deve essere chiuso ermeticamente.

Infine, potete conservare il contenitore o il barattolo in frigorifero e gli asparagi cotti potranno essere consumati per i successivi 3-4 giorni. 

Potete anche congelare gli asparagi cotti e il procedimento è semplicissimo. È sufficiente dividerli in porzioni della grandezza di un pasto, trasferire ogni parte nel suo contenitore ermetico e riporre il contenitore nel congelatore.

Quanto durano gli asparagi in base alle condizioni di conservazione?

Non esiste una data di scadenza esatta per gli asparagi. La durata degli asparagi dipende principalmente dal modo in cui vengono conservati. Dipende anche dalle condizioni in cui si trovavano al momento dell'acquisto.

In questo caso, però, si presuppone che abbiate acquistato asparagi in buone condizioni e che li abbiate conservati secondo le regole spiegate sopra. 

In base a ciò, di seguito viene presentata una tabella che rappresenta la durata di conservazione degli asparagi in varie condizioni. 

asparago